Igiene orale nei bambini

Igiene orale nei bambini

I bambini e l’igiene orale, come insegnargli a lavarsi bene i denti

I denti bisogna imparare a lavarli bene fin da bambini. Prendersi cura del sorriso dei propri figli è una responsabilità di tutti i genitori, fin da quando vedono spuntare il primo dentino. Insegnare ad usare bene spazzolino e dentifricio, però, può essere difficile. Meglio, allora, imparare qualche trucco del mestiere.

Nei bambini come negli adulti, il principale nemico dei denti è la placca. Un pericoloso agglomerato di residui alimentari che si deposita sullo smalto e offre un rifugio perfetto ai germi che causano le carie. Come si sconfigge? Con un’attenta e costante igiene orale. Lavare i denti regolarmente e bene, infatti, è il modo migliore per mantenere un sorriso perfetto.

L’igiene orale nei bambini, le buone abitudini si imparano da piccoli

Quando devo iniziare a lavare i denti a mio figlio? È una domanda che si fanno tutti i genitori e la risposta è molto semplice: appena spunta il primo dentino. Una corretta igiene orale, infatti, è fondamentale anche sui denti da latte. Inoltre, cominciare presto, permette al bambino di prendere confidenza con questa attività, di sentirla come naturale. Così, quando toccherà a lui maneggiare spazzolino e dentifricio sarà più pronto e disposto.

Di solito è tra i 6 e gli 8 mesi che nella bocca di un neonato si vede comparire il primo dente. In questa primissima fase, la pulizia è molto semplice: basta passare sulla superficie dei dentini una garza leggermente umida ed il gioco è fatto. Fondamentale è anche massaggiare lievemente le gengive.

Per comprare il primo spazzolino “a misura di bambino” è consigliabile aspettare il primo anno di vita. Per il dentifricio, invece, il suggerimento è di cominciare ad utilizzarlo dopo i due anni e sempre facendo attenzione ad acquistarne uno specifico per i più piccoli.

Come insegnare ad un bambino a lavarsi i denti

La vera sfida dell’igiene orale, però, arriva quando i bambini crescono, perché bisogna renderli autonomi e capaci di lavarsi i denti da soli. Riuscirci senza troppe difficoltà non è così scontato. Quando si è piccoli, quei cinque minuti passati davanti allo specchio sono solo una perdita di tempo. Per fortuna esistono dei “trucchetti” che possono tornare utili a mamma e papà.

Scegliere lo spazzolino giusto

Colorato, con forme strane, magari con l’aspetto di un cartone animato. Lo spazzolino migliore per un bambino è quello che somiglia di più ad un giocattolo, un pezzo unico capace di trasformare in un momento magico anche il momento in cui ci si devono lavare i denti.

Insegnare giocando

Il modo più efficace per insegnare qualcosa ad un bambino è giocare con lui. Il gioco rende tutto più accattivante e divertente. Mentre si spazzolano i denti, ad esempio, ci si può scambiare qualche bella boccaccia, oppure canticchiare. Molto utili sono anche le storie, le filastrocche e le favole, soprattutto con i più piccoli.

Tutto sotto controllo

Giocare va bene, ma l’igiene orale è una cosa seria e va fatta bene. Ecco perché è importante che alla fine i genitori controllino la bocca dei bambini, per verificare che lo spazzolino sia arrivato in ogni angolo e tutti i residui di cibo siano stati rimossi. Con il tempo, poi, questo controllo sarà sempre meno necessario, fino a sparire del tutto.

Leave a comment

Accetto la Privacy Policy